Solstizio d’Inverno 2007

     A:.U:.T:.O:.S:.A:.G:.

 

ORDO AB CHAO

ANCIENT and ACCEPTED SCOTTISH RITE

JURISDICTION ITALY

To the reserved Convent required in Malta

Document of the

Supreme Council of the A:.A:.S:.R:.

Jurisdiction Italy

at the Winter Solstice on the 27th December 2007

 

 

 

FREEMASONRY IN THE NEW NETWORK

IN A LARGE GLOBAL ADVICE

Dearest and most powerful Peers,

 

…..on the occasion of the feast day of St John the Evangelist, the visible part of the works of our Supreme Council gathered together exactly on the 27th day of the month of December of the year 2007 Anno Domini.

 

Today and with this document we forcefully interrupt our silence. This silence, which we imposed upon ourselves at the time, was adopted in order to allow our most powerful brothers of the RSAA of the Supreme Mother Council to intervene and guide with their prestige and competence the project of worldwide reorganization, a project in which we humbly participated.

 

It is evident that in breaking our silence we, as a consequence, put an end to the boisterous silence of our brothers from across the Ocean. We were the first to sound the trumpets and ring the bells announcing a common danger for these brothers. They did not show any sign of assent or dissent, hatred or brotherhood. They simply widened the void even thought they had received from us various assurances and proofs of what is expected of us and of our loyalty.

 

We have called upon our brothers because we stand before an announced and perilous common danger. We have turned to them because we are gravely worried about their loss of leadership. We would like for them to continue to be, even from afar, our true and recognized authority. At this point, however, we fail to comprehend, and even to perceive, where they might stand.

 

Unfortunately the time at our disposal, to breach these considerable obstacles, has run out. We can no longer afford to do nothing. We must remind our brothers who have read our documents that an abundant 5 years have passed since our first detailed signals of alarm.

 

For a long half-decade we have warned the upper, international echelons of the RSAA. For years we have described the negativity of the occult and deleterious Western division between those of the Atlantic and the British. Now in the event of the ever closer, unprepared international conflict we find ourselves forced to immediately find a speedy getaway from this chaos. With things as they are we will have to make this move alone.

 

The facilities at our disposal allow us to do so: certainly we will not be as effective as we could have been if we had been able to operate with our American brothers. Our Masonic duty dictates that we must do this alone in order to guarantee the future of our country, our population, our brothers and our children.

 

In this age of the globalization of national, and nationalistic institutions if the Freemasonry were truly held by all to be universal there would no longer be anyone trying to take over ever increasing slices of international power, not realizing, in fact, that all attempts are futile.

 

Things have reached absurd levels: some noble Freemasons believe to have such privileges at their fingertips that they save us, alone of course, from the killer, savage wave of the knights of Chinese power. They are grossly mistaken because the first to fall will be our most affluent brothers, and then, behind them, all of us.

 

We believe these to be valid, sufficient motives for us to interrupt, with this document, this steady waiting. In this way, using Pythagorean methods, we can continue with the construction of the work we have assigned for ourselves. Regretfully we do so alone, without our most prosperous brothers. They did not want to jeopardize their privileges, stupidly unaware of the certainty that they will loose these privileges soon anyway.

 

The fear of some petrol companies to provisionally reduce their profits from black gold while waiting for new profits generated by their new alternative energy producing companies compels them to hold steady, so as not to loose out on the last fists-full of oil-dollars. For this reason the very important implementation of new systems of world energy, that we know to exist, fail to take off.

 

Warning, however. The price of the aforementioned greedy profitscould be very, very high. This time we are not faced with the usual seasonal economic crisis. This time we have before us a veritable war or enormous proportions, in which, at a certain point, nobody will be able to control anything.

 

Indeed someone has thought to toy with the inopportune idea of overcoming this worldwide impasse in profiting from the creation of a massive international conflict between the West and the Middle East. It will be too late when this person will realizes that this duel is soon to turn into a battle involving the West and the entire East.

 

The power of the East, of the Chinese mould, is far stronger than anyone can imagine at this time.  As well as the usual weapons this power will add to the mix a strong desire for ideological consumer and ideological communist compensation.

 

In order to achieve its goals this power will do everything possible to eliminate freethinking. The first to fall, and to be subsequently eliminated one by one, will be our Freemason Brothers, to be followed, in turn, by the churches of the West.

 

There will even be a violent clash between organized crime of the East and the West. The latter will fall to an unexpected Russian-Chinese alliance.

 

We believe the time has come to reveal the truth regarding the real motives that prompted the Americans to accept the English proposal to go to war in Iraq. This war was undertaken, not to tap undisturbed into the Iraqi wells, but to limit Chinese expansion in the oil communities of the Middle East and Africa, to safeguard the last reserves of the oil fields in question, in order to remove them from the dangerous Chinese influence. From this point of view the Iraqi conflict has failed because now, more than ever before, the Chinese expansion is particularly strong in those areas.

 

Using diplomacy and enormous sums of corrupt money, added to the capacity of having exponentially exposed the dollar in its own territories, China has managed to seriously weaken the American dollar. Furthermore, in order to guarantee the same profits on the sale of their product the oil producing countries are considering leaving behind the American currency as their currency of reference. In fact, paradoxically, we are at a point where the Chinese reminbi is considered to be one of the two or three future petro-currencies of reference to be used in the oil trade, to be applied first to the Arab area, and then to the rest of the world. In this way the American dollar has been forcefully pushed to one side.

 

This state of affairs will just be the beginning of a real revolution of world power.

 

The game of “go” that the Chinese are applying to the weak Russians, blackmailed by the only voice of active balance available to them – crude oil, has allowed them to gain an incredible geo-strategic military force. This does not take into account their cynical use of the power to veto, held by them within the Security Council of the UN.

 

Consider this: the Americans waged war in defence of Kuwait and now Kuwait is the first oil country in the world to experiment with anchoring the price of oil to a collective basket of currencies. The Americans should begin to realize that such a reality could in fact very quickly expose the precarious, vertiginous decline of their dollar.

 

Unfortunately our analysis must continue, more assured than ever, to describe to you how the might of Chinese economic power, at the beginning of the month of November last, carried out a most brilliant move of capitalization in favour of its main oil company. It was taken from the Shanghai lists and in a few short hours was in first position in the world, after almost a century of American market dominance. Almost contemporaneously the Chinese Central Bank issued a forecast statement regarding the American dollar: stating that it would loose its world supremacy. If China, with over $1400 billion in reserve, were to decide to abandon the American currency for America it would be another Pearl Harbour, just without the loss of human life. Many believe that this will never happen. Let’s be careful not to make the same mistake as was made at that time with the Japanese. Let’s not forget that when the Japanese bombers arrived in Pearl Harbour that the crews of the American ships were all sleeping.

 

The meeting point for the so-called Axis of Evil, as coined by the Bush administration, certainly has a director, but it’s probably not the fake Bin Laden but Chinese power. China is developing strong friendships, of real world power, with Chavez, with Sudan, with Teheran, with the entire Persian Gulf, with Peru, and even with the Canadian state of Alberta. Within six years the Chinese requirement for oil will have far surpassed that of America. Over the past few years the White House, a true democratic power, has gone crazy trying to manage oil resources. So what will happen to a country with a dictatorial regime like China when the supply and demand of oil are no longer compatible? And if the Chinese game of go where to continue to both Teheran and Malaysia, not stopping with Russia? Considering that Malaysia has become the world leader in the proposal for a new international currency, the gold dinar, what would happen?

 

According to the Malaysian government this currency, which would have a fixed weight of gold, a metal of which the Arab countries have vast reserves, should become the legal tender in the Islamic commercial area. The instability of today is inversely reminiscent of that of thirty years ago when the last gold standard, of the American dollar, was abandoned. Since then, in one way or in another, everyone has been trying to get it back. Paradoxically it could be Islamic finance to reinstate it. Bearing in mind the concerted effort the Chinese Central Bank has made over the past few months to buy up extensive quantities of gold bars on the world market, we should immediately realize that this game of go also involves Malaysia.

 

Let’s not underestimate Iran who last November celebrated an important victory regarding their experiments on uranium, suitable for the construction of atomic bombs, and possibly nuclear power stations. Iran has, in fact, exceeded the now notorious threshold of three thousand uranium centrifuges, and could produce enough uranium to build their first atomic bomb within a year.

 

Have our American brothers, who, for better or for worse, remain our brothers, understood what is happening behind the closed doors of the Shanghai Cooperation Organization? Or do they continue to believe that it is merely the sitting room of a new and powerful lobby, serving only to close commercial proceedings? Has nobody realized that the theatrical regional conflicts, in a naval setting will be a veritable trap for the Americans?

READ  2014: EBOLA PATIENT ZERO

 

Dearest and most esteemed Brothers, what can we do in the face of such a complex situation? The construction of a new Freemasonry is the only way out. A fraternity that immediately addresses the problem of a new world leadership and that of a contemporary and genuine concept of universality. We are duty bound to immediately create a network of willing Freemason brother volunteers throughout the East and West, who can, within a short time and with immediacy, conduct a census on the available forces in order to predispose a Pythagorean reaction. Soon it will no longer make any difference if you belong to an important Lodge or to an Orient. All that is small, national, or with circumscribed territories will no longer be able to have the force necessary to manage an economic or social international level movement of any description.  Only the networks of effective and efficient men will be able to meet and/or stem the dangers of a world without boundaries, without rules, with the giants of anti-libertarian monopoly. This is demonstrated by the logic of the defence and attack of the Shanghai Cooperation Organization: a network established to oppose the USA as “super police man” without borders and sometimes without rules.

 

We Freemasons have an immense strength unknown to others: freedom of action, freedom of thought, freedom in the evolution of conscience, the freedom to meet with the Great Architect of the Universe. For the sake of humanity we must guarantee and not squander this marvellous strength. We must give every man the possibility to live with dignity, without any coercion. If nobody else wants to make this type of intervention we will begin alone, convinced that soon other Freemasons, who are truly free, will join us.

 

We must construct an operational programme of defence and a project with a network-like structure with models of authority in an open-ended network. In this way whoever wants to is free to intervene, create, design and build with their own ideas and decisions, thereby we will not loose any of the qualities of the progress of mankind.

 

Given the gravity of an impending enormous international conflict, now gone beyond control, our Supreme Council, as of today, is willing to interface with all Freemasons. All Great Lodges, Orients and /or Rites who recognize the grave danger we have described here can join us in a coalition, without loosing anything of their own order, to stem the expansion of the Chinese conquests. We will begin from the beginning and start with our website, which today we make interactively interfaceable for anyone wishing to consult it, from anywhere in the world. Eventually we aim to define a site common to all.

 

Our appeal also applies to those Freemasons who may want to join on a personal level, without loosing anything of their own personal experiences. It is important that all realize that they must bring about objective influential resources from wherever they might be from in the world, in order for us to be able to confront the common cause together.

 

We can no longer remain on the outside looking in: our appeal is to everyone in the East and West, Freemasons of the free world, in particular to Europe, to Latin America, to Africa, to North America, to Japan, and to the Middle East.

 

The quarks of physics have taught us that mass and energy vibrate in a ten dimensional space; in this way they can simulate the physical universe beyond itself. Leonardo da Vinci taught us that the aesthetic is the lowest form of perception of reality, and that man has the faculty and the possibility to bring his awareness to ever more subtle levels. Thus man can spiritualize the sensation without limiting himself to the modest realms of the five senses. He must awake his internal eye, something all men possess in order to probe the otherwise impenetrable depths of the soul, as it is only the internal eye that perceives the truth and therefore knowledge. Mastery of the ten dimensions will only be possible with the surmounting of the reign of the five senses, which can only be conquered with knowing how to see through the value of the eye of the soul. The true freedom of man is obtained in the freedom of all that limits the sense of connection with the divine, and then in the perfectibility that comes from infinite knowledge.

 

The consciousness to insert every creative action of mankind in a context of EVERYTHING, in a rational system, where a point is always the beginning and/or the end of a process is an elevation of mankind that Chinese culture, with its neo-system of power, could never reach and/or guarantee.

 

This is the only way for our world to stem the new dictator. All of this, meantime, should make us aware that we must fight bitterly in order to guarantee the new liberty for ourselves, and moreover for our children. Despite the conflict between East/West and the Chinese, the very application of these new, and at the same time old, thoughts will deviate or assailants and vanquish the inertia of our Brothers who have fallen to the perils of sloth.

 

In order to pose atrue and concrete obstacle to the perilous and violet Chinese expansion, we want to construct a network of Freemasons operating as the Grand International Council of Freemasonry. Access will be granted by authority and spiritual election, and will work for a Pythagorean census of resources, to build together and to continue with the project of communal and new world order.

 

This “public” document is the first “open” document in the history of the Freemasons in so far as it is remains unfinished. Every Freemason, provided he has the suitable administrative rank, is free to add, if he so wishes or sees fit, his ideas, his contribution, his own chapter of the project thus reaching out and extending this document. If, however, a Freemason does not have the required rank he may contribute his proposals via email* thereby contributing, in a different way, to the building of a new international Freemasonry.

 

*Email.

Please send your proposals to our Forum (in your own language): your opinions will be integrated and discussed in the document.

 

inforitoscozzese@ritoscozzeseonline.org

 

RITO SCOZZESE ANTICO E ACCETTATO

GIURISDIZIONE ITALIANA

  DAL CONVENTO RISERVATO TENUTO A MALTA

DOCUMENTO DEL

SUPREMO CONSIGLIO DEL R:.S:.A:.A:.

IN OCCASIONE DEL SOLSTIZIO D’INVERNO

27 DICEMBRE 2007 A:. D:.

 

LA NUOVA MASSONERIA IN RETE

IN UN GRAN CONSIGLIO MONDIALE

 

Carissimi e Potentissimi nostri pari,

nella grande festa dedicata a San Giovanni l’Evangelista, la parte visibile dei lavori del Nostro Supremo Consiglio riunitosi proprio nel giorno 27 del mese di dicembre dell’Anno Domini 2007.

Oggi con questo documento interrompiamo con forza il nostro silenzio,

auto impostoci a suo tempo, il quale era stato adottato per consentire ai Potentissimi Fratelli del RSAA del Supremo Consiglio madre di poter intervenire e guidare con il loro prestigio e la loro competenza il progetto di riordino mondiale a cui anche noi avevamo umilmente partecipato.

E’ evidente che il Nostro rompere il silenzio, di conseguenza, pone fine alla chiassosa quiete proprio dei Potentissimi Fratelli di oltre Oceano. Fratelli a cui abbiamo voluto suonare per primi le trombe ed i campanelli del comune pericolo, ma i quali non hanno dato segni né di assenso, né di diniego, né di odio, né di fratellanza: hanno semplicemente elargito il vuoto pur avendo ottenuto da Noi varie assicurazioni e prove su ciò che ci sta prepotentemente attendendo e sulla Nostra fedeltà.

Li abbiamo chiamati in causa perché siamo di fronte ad un annunciato e rischioso comune pericolo, e ci siamo rivolti proprio a loro perché fortemente preoccupati della loro perdita di leadership: desideravamo che Loro continuassero ad essere, anche da lontano, la Nostra vera e riconosciuta Autorità, ma, a tutt’oggi, non riusciamo a capire, E nemmeno a percepire, dove essi siano.

Purtroppo il tempo a Nostra disposizione, per arginare questi grandi ostacoli, non c’è più, non ci concede più spazi vuoti, e dobbiamo ricordare ai nostri Fratelli che hanno letto i nostri documenti che sono passati ben cinque anni dai Nostri primi e dettagliati allarmi.

E’ da un lungo lustro che abbiamo messo in guardia i vertici internazionali del RSAA, sono anni che descriviamo la negatività della occulta e deleteria divisione occidentale tra atlantici e britannici, ma adesso l’avvicinarsi repentino del conflitto internazionale ci impone la individuazione immediata di una rapida via d’uscita da questo caos, nella quale, stando così le cose, saremmo obbligati ad immetterci da soli.

Gli strumenti a Nostra disposizione ci permettono di poterlo fare: certo non saremo efficaci come se avessimo potuto operare insieme ai Nostri Fratelli americani, ma il dovere massonico ci impone di farlo anche da soli, per garantire il futuro delle nostre terre, dei nostri popoli, dei nostri Fratelli, dei nostri figli.

Se la Massoneria fosse veramente da tutti ritenuta universale non ci sarebbero più in questa epoca di globalizzazione delle strutture nazionali, e per giunta nazionaliste, che tentano di impadronirsi di fette sempre più ampie di potere mondiale, non rendendosi conto, invece, che ogni tentativo sarà sempre un naufragio.

Siamo all’assurdo: qualche nobile massone ritiene di avere tanti di quei privilegi da potersi salvare, ovviamente da solo, dall’ondata sterminatrice e barbara dei valvassori del potere sinico, ma si sbaglia di grosso, perché i primi a cadere saranno proprio i nostri Fratelli più abbienti e poi, dietro, tutti noi.

Questi sono i motivi, secondo Noi più che sufficienti, per poter interrompere, con questo documento, l’immobilismo attendista e così poter procedere, con metodi pitagorici, alla costruzione dell’opera che ci siamo dati, rammaricati di essere da soli, senza i Nostri Fratelli più abbienti, i quali non hanno voluto mettere a repentaglio i propri privilegi, scioccamente inconsapevoli che comunque presto li perderanno ugualmente.

La paura di alcune società petrolifere di ridurre limitatamente i loro profitti provenienti dall’oro nero, in attesa dei nuovi introiti creati dalle loro nuove società produttrici di energie alternative, impone loro di tenere ferma, in modo da non perdere le ultime manciate di petrodollari, l’importantissima nascita del nuovo sistema energetico mondiale che sappiamo già esistere, ma che viene da queste impossibilitato a decollare.

Attenzione, però, che il prezzo di questi ultimi ed ingordi utili potrebbe risultare molto, ma molto alto, perché questa volta non siamo di fronte alla solita crisi economica stagionale, ma, invece, abbiamo davanti una vera guerra di proporzioni enormi di cui, ad un certo punto, nessuno controllerà più niente.

Infatti qualcuno ritiene di accarezzare l’improvvida idea di superare questa impasse mondiale approfittando della creazione di un grande conflitto internazionale tra occidente e medio oriente e si accorgerà troppo tardi che questo scontro si tramuterà presto in una battaglia tra sì l’Occidente, ma con l’intero Oriente.

Il potere orientale di stampo sinico è ben più forte di quanto nessuno in questo momento possa immaginare, perché alle consuete armi questo potere aggiungerà la gran voglia di rivalsa ideologico consumistica ed ideologico comunista.

Questo potere per ottenere tutto ciò farà ogni cosa possibile per eliminare il libero pensiero, ed i primi ad essere perduti, e poi cancellati ad uno ad uno, saranno i Fratelli Massoni, seguiti a ruota dalle Chiese religiose occidentali.

READ  Christ or the Lodge?

Ci sarà uno scontro forte persino tra le organizzazioni malavitose orientali ed occidentali, e queste ultime soccomberanno per l’inaspettata alleanza russo sinica.

Noi crediamo che sia arrivato il momento di togliere i veli anche nei confronti della vera motivazione che ha spinto gli americani ad accettare la proposta inglese di fare la guerra all’Iraq. Una guerra che è stata condotta non per attingere indisturbati dai pozzi iracheni, ma per arginare l’espansione cinese nel mondo petroarabo e petroafricano a salvaguardia delle ultime riserve dei giacimenti in questione, in modo da toglierli dalla pericolosa influenza sinica. Il conflitto iracheno è proprio da questo punto di vista che è stato un enorme fallimento, in quanto mai come ora l’espansione cinese è così forte in quelle aree.

La Cina è riuscita con la sua diplomazia e le ingenti somme di denaro corruttore, sommate alla capacità di aver fatto esporre il dollaro in modo esponenziale nei propri territori, ad indebolire la moneta americana in modo molto forte, e a far sì che i Paesi petroliferi, per garantire gli stessi guadagni sulle vendite del loro prodotto, sentissero il bisogno di uscire dalla tutela della valuta statunitense come moneta di riferimento. Infatti siamo paradossalmente giunti al punto che il reminbi cinese sia visto come una delle due o tre future monete di riferimento di eventuali panieri atti a garantire le vendite petrolifere, prima nell’area araba e poi nel resto nel mondo, scalzando così prepotentemente il debole dollaro.

Questo stato di cose sarà solo l’inizio di una vera e propria rivoluzione mondiale del potere.

Il giogo del “go” che i sinici stanno applicando con i deboli russi, ricattati dall’unica voce di bilancio attiva che possiedono, quella del greggio, fa sì che possano assumere una forza militare geostrategica incredibile, senza considerare il cinico utilizzo della potente arma di veto da loro posseduta nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

Se pensiamo che gli Stati Uniti d’America hanno fatto una guerra a favore del Kuwait ed oggi è proprio questo il primo Paese petrolifero al mondo che sta sperimentando di ancorare il prezzo dell’oro nero ad un paniere di valute, gli americani dovrebbero cominciare a rendersi conto che tale situazione denuderà di fatto molto presto la precarietà e il vertiginoso declino del dollaro.

La nostra analisi purtroppo ha l’obbligo di continuare, più ferma che mai, descrivendovi come il grande potere economico sinico, all’inizio del mese di novembre ultimo scorso, ha effettuato la più brillante operazione di capitalizzazione a favore della sua principale azienda petrolifera ponendola, dai listini di Shanghai, in poche ore, al primo posto nel mondo dopo oltre un secolo di dominio americano. Quasi contemporaneamente la Banca Centrale Cinese ha rilasciato un commento di previsione sul dollaro in cui si dichiarava che la moneta statunitense perderà il suo primato mondiale. Se la Cina, con ben 1400 miliardi di dollari di riserve, decidesse di abbandonare la valuta americana, per gli Stati Uniti sarebbe una vera e seconda Pearl Harbor senza spargimento di vite umane.  Molti ritengono che ciò non sarà mai possibile, ma attenzione: sarebbe fare lo stesso errore che fu consumato a quell’epoca nei confronti dei Giapponesi. Non dimentichiamoci che quando i bombardieri giapponesi arrivarono a Pearl Harbor gli equipaggi delle navi americane dormivano.

La linea di congiunzione dei cosiddetti Paesi del male, redatta dall’Amministrazione Bush, ha sì un regista, ma forse non è il finto Bin Laden, quanto il vero potere sinico. La Cina sta intrattenendo forti rapporti, da vera leadership mondiale, con Chavez, con il Sudan, con Teheran, con l’intero Golfo Persico, con il Perù, persino con lo stato di Alberta in Canada. Nel giro di sei anni il fabbisogno petrolifero della Cina supererà di gran lunga quello statunitense, e se la Casa Bianca in questi ultimi anni, pur essendo una vera potenza democratica, è impazzita a causa della gestione delle risorse del petrolio, cosa potrà mai accadere ad un Paese con regime dittatoriale come la Cina quando domanda ed offerta dell’oro nero non si incontreranno più? E se il gioco del go sinico invece di fermarsi alla sola Russia proseguisse con Teheran e la Malesia insieme, cosa potrebbe accadere, visto che la Malesia è diventata il Paese leader nella proposta di una nuova moneta internazionale, il dinaro d’oro?

Questa moneta, secondo il governo malese, dovrebbe divenire la valuta della zona commerciale islamica, ancorata all’oro giallo, metallo di cui i Paesi arabi detengono forti riserve auree. L’instabilità di oggi ricorda, all’inverso, quella di trent’anni fa, quando l’ultima parità aurea, quella del dollaro, fu abbandonata. Da allora, in un modo o nell’altro, tutti cercano di riconquistarla. Paradossalmente, potrebbe essere la finanza islamica a farcela ritrovare. Se ora ricordiamo il grande impegno profuso negli ultimi mesi da parte della Banca Centrale di Cina per acquisire nel mercato mondiale grandi quantitativi di lingotti d’oro, ci dovremmo subito rendere conto che ormai il gioco del go potrebbe interessare anche la Malesia.

Senza sottovalutare l’Iran che nel mese di novembre ultimo scorso ha ottenuto la sua grande vittoria sugli esperimenti riguardanti il trattamento dell’uranio atto alla costruzione di bombe atomiche e, forse, di centrali nucleari: l’Iran, infatti, ha superato la famigerata soglia delle tremila centrifughe, così da poter produrre uranio in quantità sufficiente a costruire, probabilmente entro un anno, la sua prima bomba atomica.

Ma allora i Nostri Fratelli americani, perché, per Noi, pur sbagliando, rimangono, i Nostri Fratelli, si sono accorti di quello che sta accadendo dentro le segrete stanze dello Shanghai Cooperation Organisation? Oppure ancora credono che sia solo il salotto di una nuova potente lobby atta solo a chiudere accordi commerciali? Nessuno si sta accorgendo che la preparazione dei conflitti regionali di teatro, in ambito marittimo, saranno una vera trappola per gli americani?

Carissimi e Potentissimi Fratelli, di fronte ad una situazione così complessa come ne possiamo uscire? Solo con la costruzione di una nuova Massoneria, che si ponga immediatamente il problema di una nuova leadership mondiale e di un nuovo e vero concetto di universalità. Abbiamo il dovere di creare immediatamente una volontaria rete di Fratelli Massoni di buona volontà che sia presente in tutto il mondo occiorientale, perché in breve tempo e con rapidità si possano censire le forze disponibili per predisporre una pitagorica reazione. Presto non conterà più l’appartenere ad una Gran Loggia o ad uno Oriente massonico, perché ciò che piccolo, nazionale, con territorio circoscritto, non potrà più avere la forza di gestire un qualsiasi movimento economico o sociale di livello internazionale. Solo le reti di uomini efficaci ed efficienti potranno soddisfare e/o arginare i pericoli di un mondo senza confini, senza regole, con i colossi del monopolio antilibertari. Ciò è dimostrato dalla logica di difesa ed attacco dello Shanghai Cooperation ed Organisation, rete costruita per arginare gli Usa “superpoliziotto” senza confini e a volte senza regole.

Noi massoni abbiamo una grande forza ad altri sconosciuta: la libera azione, il libero pensiero, la libera evoluzione della coscienza, la libertà dell’incontro con il Grande Architetto dell’Universo e abbiamo il dovere verso l’intera Umanità di garantire e non disperdere questa meravigliosa forza. Dobbiamo dare la possibilità ad ogni Uomo di vivere la sua piena dignità, senza coercizioni di sorta, e se nessuno vorrà intervenire in tal senso inizieremo da soli, convinti che molti Massoni, liberi veramente, si congiungeranno presto con Noi.

Dovremo costruire un programma operativo di difesa ed un progetto a struttura reticolare con modelli di autorità a network aperti alla sorgente, per poter permettere a chiunque di poter intervenire, creare, progettare, edificare con le proprie idee e decisioni, in modo tale da non disperdere nulla delle grandi qualità di progresso dell’Uomo.

Il Nostro Supremo Consiglio, data la gravità e l’approssimarsi di un enorme conflitto internazionale non più controllabile, è da oggi disponibile ad interfacciarsi con tutte quelle realtà massoniche, Gran Logge, Grandi Orienti e/o Riti, che, sensibili al grande pericolo da Noi descritto, vogliano con Noi coalizzarsi, aggiungendo senza nulla perdere del loro, per arginare concretamente l’espandersi delle conquiste siniche, cominciando anche dall’utilizzo del nostro sito web, che da oggi renderemo interfacciabile interattivamente, con chiunque lo richieda e da qualunque nazione provenga, per poi nel tempo definirne uno comune a tutti.

Tale appello vale anche per quei Massoni che desiderino aderirvi anche a livello personale, senza nulla lasciare della propria esperienza, purché si rendano conto che ognuno deve apportare oggettive risorse di influenza da qualsiasi parte del pianeta egli provenga, per poter tutti insieme far fronte alla comune causa.

Non possiamo più stare a guardare: il nostro appello è rivolto a tutto il mondo libero massonico-occiorientale, con particolare riguardo all’Europa, ai latino americani, agli africani, ai nord americani, ai giapponesi, ai medio orientali.

I quark della fisica ci hanno insegnato che massa ed energia vibrano in uno spazio a dieci dimensioni ed in tal modo riescono a simulare cosa sia l’universo fisico al di là di sè stesso. Leonardo da Vinci ci ha insegnato che l’estetica è la più bassa forma di percezione del reale, ma che invece l’uomo ha la facoltà e la possibilità di portare la sua consapevolezza a livelli sempre più sottili, così da poter spiritualizzare la sensazione, senza limitarci al modesto regno dei cinque sensi, ma risvegliando quell’occhio interiore posseduto dall’Uomo per sondare il paesaggio dell’anima, altrimenti imperscrutabile, poiché è solo l’occhio interiore che percepisce la verità e quindi la sapienza. L’appropriarsi delle dieci dimensioni sarà possibile solo con il superamento del regno dei cinque sensi, conquistabile solo con il saper vedere tramite la valorizzazione dell’occhio dell’anima. La vera liberalizzazione dell’Uomo si ottiene con la libertà da tutto ciò che limita il senso di connessione con il divino, quindi con la perfezionabilità proveniente dalla infinita  sapienza.

La consapevolezza di inserire ogni azione creatrice dell’Uomo dentro il contesto del TUTTO, in un sistema relazionale, dove un punto è sempre l’inizio e/o la fine di un processo, è un tale elevamento dell’Uomo che la cultura sinica, con il suo neosistema di potere, non potrà mai raggiungere e/o garantire.

Il Nostro mondo solo così potrà arginare il nuovo dittatore. Tutto ciò, nel contempo, ci deve rendere consapevoli di dover lottare molto per garantirsi la nuova libertà per sè e soprattutto per i nostri figli. Sarà proprio l’applicazione di questi nuovi, e contemporaneamente vecchi, pensieri, pur inseriti nel contesto di questo atroce scontro in atto tra occioriente e sinici, a far sbandare gli assalitori e a sconfiggere l’inerzia dei nostri Fratelli caduti nella pericolosità dell’accidia.

Vogliamo costruire una rete di Massoni liberi che operi come Gran Consiglio Internazionale della Massoneria, dove si accede per autorità ed elezione di spirito, per un pitagorico censimento delle risorse, per un vero e concreto argine al pericoloso e violento espansionismo sinico, per edificare insieme e parimenti portare avanti il progetto del comune e nuovo ordine mondiale.

Questo documento “pubblico” è, per la prima volta nella storia della Massoneria, “aperto”, cioè non terminato, per cui ogni Massone, purché avente un grado amministrativo idoneo, può aggiungere, se lo desidera e lo ritiene opportuno, le proprie idee, il proprio contributo, il proprio capitolo del progetto, in modo da stendere ed estendere più ampiamente il documento stesso. Se invece non avesse i gradi richiesti, contribuisca via email * con le sue proposte e anche lui, ma con modalità diverse, comunicategli ad persona, parteciperà alla costruzione reale della nuova Massoneria Internazionale.

* email:

Vi preghiamo di esprimere le Vostre proposte inviandole al Forum:

le Vostre opinioni saranno tutte integrate e messe a confronto nel  documento .

inforitoscozzese@ritoscozzeseonline.org

Leave a Reply